Visualizzazione di 6 risultati

Cytomel

Ogni sportivo sa quanto sia impegnativo lottare contro i depositi di grasso sottocutaneo, sia gli atleti professionisti che gli amatori, poiché solo i muscoli magri conferiscono un aspetto attraente. A questo scopo vengono impiegati diversi regimi alimentari, ma spesso non sono sufficienti e si ricorre a preparati farmacologici come il Cytomel.

Il principio d’azione del Cytomel sul corpo di un culturista in Italia

Il farmaco è un ormone tiroideo sintetico, il cui principio attivo è la liotironina sodica. Questa sostanza è molto simile ad un altro ormone tiroideo, la triiodotironina.

Gli scienziati hanno individuato due ormoni principali che vengono secreta dalle cellule tiroidee: LT3 e LT4. Il farmaco agisce abbastanza rapidamente e servono da 7 a 12 giorni per osservare i risultati del suo utilizzo. Tuttavia, gli ormoni tiroidei influenzano il metabolismo di tutti i nutrienti, non solo dei grassi. Di conseguenza, anche il metabolismo delle proteine può subire variazioni, con la conseguente perdita di massa muscolare.

Per evitare questa possibile conseguenza negativa, è fondamentale aumentare la quantità di proteine consumate. Infatti, durante un regime di definizione, è consigliabile comunque assumere circa 3 grammi di proteine per chilo di peso corporeo.

Inoltre, i culturisti in Italia, quando utilizzano il Cytomel, aumentano anche il dosaggio di steroidi anabolizzanti, accelerando ulteriormente la sintesi proteica. Tuttavia, è importante sottolineare che i professionisti fanno uso diffuso anche di potenti androgeni, insulina, somatotropina e ormoni tiroidei poiché tutti questi farmaci hanno un effetto sinergico e potenziano reciprocamente la loro efficacia, riducendo al minimo gli effetti collaterali.

Come ben sappiamo, livelli elevati di insulina possono portare ad un aumento del grasso corporeo, e questo è l’obiettivo del Cytomel.

Raccomandazioni per l’assunzione del Cytomel

Quando si assume il Cytomel in Italia, è essenziale aumentare il dosaggio in modo molto graduale. Il primo giorno di assunzione, è consigliabile non superare i 25 mcg, e successivamente non superare i 100 mcg nei giorni successivi. Questo aiuterà l’organismo ad adattarsi al farmaco. La dose giornaliera dovrebbe essere suddivisa in più somministrazioni, a intervalli regolari. Le donne sono più sensibili agli effetti collaterali e quindi è consigliabile non superare i 50 mcg al giorno.

Si consiglia di assumere il farmaco alla stessa ora ogni giorno per mantenere un livello costante di ormoni nel sangue.

Anche la sospensione del Cytomel deve essere graduale, per evitare squilibri ormonali. Il ciclo non dovrebbe durare più di 6 settimane. Un utilizzo prolungato di dosi elevate può causare una carenza permanente di tiroide.

Interazioni con altri farmaci

Il Cytomel può interagire con altri farmaci, pertanto è importante informare il medico di tutti i farmaci, integratori e erbe in uso.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali possono includere, ma non solo, aumento del battito cardiaco, ansia, perdita di peso, tremori e sudorazione. In caso di effetti collaterali gravi o persistenti, è necessario consultare immediatamente un medico.

Cytomel:Recensioni